Carta di Pescara

La Carta di Pescara per l’industria sostenibile è un documento programmatorio che recepisce gli indirizzi delle politiche europee sul tema della sostenibilità ambientale applicata all’industria.

La Giunta regionale ha approvato la Carta di Pescara con Delibera n. 502 del 21 luglio 2016 contenente il disciplinare per l’adesione alla stessa definito insieme ad imprese, università e parti sociali. L’adesione da parte delle imprese interessate è volontaria e consente alle stesse di usufruire di alcuni vantaggi come: semplificazioni procedimentali, riduzione degli oneri amministrativi, fiscali e tributari, agevolazioni finanziarie e legislazione di sostegno.

Tutte le imprese con una sede operativa in Abruzzo, “attive” secondo il Registro delle imprese della camera di Commercio, in regola con i pagamenti e gli adempimenti previdenziali, assistenziali e assicurativi e tutti gli atri obblighi previsti dalla normativa vigente, possono aderire alla Carta secondo tre livelli di certificazione, in base ai requisiti di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Possono aderire con un percorso leggermente differenziato, le start-up e le imprese che hanno presentato un progetto di insediamento industriale. Per l’inoltro della domanda è stata predisposta un’apposita piattaforma on-line

L’Ufficio Relazioni con il Pubblico cura la parte informativa relativa alla Carta e ha predisposto una sintesi delle procedure di adesione, sono state inoltre redatte una serie di risposte a domande frequenti, mentre per rivolgere domande dirette è possibile scrivere a: cartadipescara@regione.abruzzo.it.

Responsabile del procedimento è l’avv.ta Elisa Calvisi, email: elisa.calvisi@regione.abruzzo.it.