Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Chiese Barocche - Provincia dell'Aquila

Chiesa di Santo Spirito

Comune:  Sulmona
Frazione:  Badia Morronese
Come arrivare:  A24/A25 RM-PE uscita Pratola Peligna- Sulmona da Napoli: A1 MI-NA uscita Caianello/ seguire indicazioni per Castel di Sangro/ Roccaraso/ Sulmona
Notizie:  L'abbazia celestianiana di S. Spirito a Morrone si trova a solo cinque chilometri dal centro di Sulmona, in una località denominata Badia proprio perchè caratterizzata dalla sua maestosa presenza. Le origini del complesso sono legate alla figura di Pietro Angeleri, eremita e fondatore dell'ordine dei Celestini, oltre che futuro pontefice con il nome di Celestino V, noto per "il gran rifiuto" cantato da Dante nella sua Divina Commedia. Giunto in questi luoghi negli anni trenta del XIII secolo, scelse il monte Morrone per l' eremitaggio e le sue pendici per riunire il primo cenobio. La chiesa originaria ed il primitivo convento celestiniano, con il crescere della comunità e con il passare del tempo, subirono molteplici modifiche, ampliamenti ed abbellimenti. A destra del coro dell'odierna chiesa si conserva ancora la famosa Cappella Caldora con i preziosi affreschi del Quattrocento, una delle più importanti pagine della pittura abruzzese preservate dal tempo. Del 1596 è invece il bel campanile in pietra eretto sul modello di quello realizzato qualche anno prima per la chiesa dell'Annunziata a Sulmona. La forma attuale dell'abbazia celestiniana è però la risultante dell'ultimo importante intervento realizzato a seguito del terremoto del 1706, che ne aveva compromesso gravemente le strutture. Al 1709 è datato il documento che ricorda l'acquisto da parte dei Padri Celestiniani di materiale lapideo dal Capitolo Valvense, sicuramente in previsione del rifacimento del complesso abbaziale. Anche su base stilistica è possibile datare la bella facciata della chiesa alla prima metà del Settecento, trovando dei puntuali termini di confronto con le mode architettoniche che si andavano diffondendo in quel periodo a Roma, in particolare con quel "ritorno al Borromini" che la città visse nella seconda metà del XVIII secolo. Sebbene l'area sulmonese sia più orientata ad accogliere influssi napoletani e campani, è possibile riconoscere un'apertura all'orizzonte romano già nella ricostruzione post terremoto del complesso dell'Annunziata, oltre che nella nostra chiesa di S. Spirito a Morrone, la cui facciata mostra in tutta evidenza i rimandi alla chiesa di S. Carlo alle Quattro Fontane del Borromini. L'imponente portale di accesso dell'abbazia immette nel primo dei cinque cortili intorno ai quali si snoda il complesso, denominato "dei platani" per via degli alberi che ancora oggi vi si trovano; di fronte troviamo la maestosa facciata della chiesa che emerge sia per l'altezza sia per il profilo ondulato della superficie rispetto alla semplice linearità dei palazzi che la incastonano. Il movimento concavo e convesso della superficie e la sua spartizione sono una citazione diretta del S. Carlo, sebbene sia altrettanto evidente che, senza perdere in eleganza e accuratezza, la facciata del S. Spirito rifletta un'interpretazione "artigianale" del genio borrominiano, operata senza dubbio da una maestranza locale, quale potrebbe essere il pescolano Donato Rocco cui viene generalmente ascritta la realizzazione. Il fronte è scandito in due ordini da imponenti semicolonne poste su un alto basamento ed è ulteriormente ripartito da una cornicetta modanata che disegna un motivo rettangolare prima di ricadere su piccole semicolonne; nell'ordine inferiore il decoro asseconda il profilo convesso del portale e si arricchisce in alto di una nicchietta; nell'ordine superiore segue l'andamento concavo ed incornicia tre finestre, di cui quella centrale, più ampia, mostra un ampio bassorilievo. Chiude in alto una balausta che segue il movimento curvo della superficie interrompendosi al centro, dove trova spazio un grande orologio datato 1730. All'interno, contrariamente a quanto avviene nelle ricostruzioni post terremoto per le quali in genere si mantiene l'antico impianto "ammodernandolo" in senso barocco, l'originario schema longitudinale della chiesa è completamente trasformato, sostituito da una pianta a croce greca con coro allungato. L'esempio più vicino di simile impianto si trova di nuovo in ambito romano, in particolare esso rimanda alle soluzioni adottate dall'architetto Cortona nella chiesa dei SS. Luca e Martina al Foro; rimane purtroppo anonimo il nome dell'architetto che ha tradotto in SS. Spirito lo schema cortoniano, dal momento che al pescolano Donato Rocco le fonti attribuiscono solo la facciata. Come ha sottolineato il Benedetti (Benedetti, 1980) nonostante l'elegante decorazione a stucco che si snoda tra i vani, lo spazio dell'interno è costruito sull'accostamento di cellule spaziali autonome, che non si fondono in un tutto unitario. Oltre agli stucchi completavano la decorazione della chiesa i marmi policromi degli altari, le preziose tele dipinte ed un importante arredo in legno. Delle pale d'altare è ancora possibile ammirare in situ la tela raffigurante la Discesa dello Spirito Santo, mentre presso il Museo Civico sono conservate: una Madonna con Bambino e una Madonna del Latte fra Santi, la Gloria di Celestino V di Giovanni Conca, cugino del più noto Sebastiano, databile al 1750 e realizzata per l'altare dedicato a Pietro Celestino, la pala con le SS. Caterina e Lucia, ed infine la preziosa tela raffigurante S.Benedetto che scrive la regola del famoso pittore boemo Anton Raphael Mengs, firmata e datata 1758. Quest'ultima tela ribadisce ancora una volta il legame tra la comunità celestiniana sulmonese e Roma: fu commissionata infatti per l'altare di S. Benedetto al pittore boemo che in quello stesso torno di anni era intento alla realizzazione per il convento celestiniano di S.Eusebio di un affresco raffigurante il Santo in Gloria. Fortunatamente scampati al terremoto del 1706 sono gli stalli lignei del 1598, oggi conservati nel Museo civico cittadino, e l'organo risalente al 1681, la cui mostra intagliata dal milanese Giovan Battista Del Frate e dorata da Caldarella di Santo Stefano impreziosisce ancora l'interno della chiesa abbaziale. Nel coro, chiuso dall'imponente altare in marmi policromi, due piccole aperture immettono l'una nella famosa cappella Caldora e l'altra, attraverso una stretta scalinata, nella piccola chiesa ipogea; quest'ultima è a pianta irregolare con colonne dai capitelli variopinti e colonnine ottagonali a ricaduta dei costoloni della volta. Lungo le mura perimetrali è ancora visibile l'affresco raffigurante un Santo con la palma del martirio che mostra un libro ai confratelli inginocchiati, con ogni probabilità è da identificare con Pietro Celestino che porge la regola. Molto dell'antico splendore del complesso celestiniano è andato ormai perso per le tante traversie subite a seguito del devastante terremoto; con la soppressione degli ordini monastici del 1807 fu adibito a Collegio, poi a Ospizio, a Casa di mendicità ed infine, fino a qualche anno fa, a casa di reclusione. Un importante intervento di restauro curato dalla Sovrintendenza dell'Aquila sta restituendo il complesso abbaziale ad un più appropriato utilizzo, con la speranza che sia reso al più presto visitabile.
Iscrizioni:  Orologio: IOANNES DE SANCTIS NEAPOLITANUS FECIT ROM ANNO D. MDCCXXX. campanile: DOMINUS DONATUS DE TARENTO ABB. GENE. COELESTINORUM FUNDITUS FIERI FECIT. ANNO DOMINI M.°D.° LXXXXVI.
Informazioni:  Curia diocesana di Sulmona tel. 0864-34065
Stato di agibilità:  Agibile
Sulmona, Badia, abbazia di S. Spirito al Morrone
Sulmona, Badia, abbazia di S. Spirito al Morrone, portale maggiore
Sulmona, Badia, chiesa di S. Spirito al Morrone, facciata
Sulmona, Badia, chiesa di S. Spirito al Morrone, Cappella Caldora
Sulmona, Badia, chiesa di S. Spirito al Morrone, pianta