Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Fontane Provincia di Teramo

Fonte della Noce di Teramo

Comune:  Teramo
Come arrivare:  A24 RM-TE uscita Teramo/ proseguire in direzione Teramo da Napoli: A1 NA-RM uscita Cassino/ proseguire in direzione Sora/ Avezzano/ A25 direzione L'Aquila-Teramo/ A24 direzione Teramo uscita Teramo/ proseguire in direzione Teramo
Notizie:  La Fonte della Noce prende il nome dai numerosi alberi di noce inseriti nel Parco fluviale del Vezzola e anticamente le sue acque furono molto apprezzate dalla Regina Giovanna, vedova di Ferdinando I, in visita a Teramo nel luglio 1514. Si racconta anche che i grandi noci fossero punto di ritrovo delle streghe e che era pure usanza fare un infuso con i frutti di noce ancora acerbi che, percuotendo i rami, cadevano a terra, perché considerato toccasana per i dolori reumatici; probabilmente si tratta proprio di quello che oggi chiamiamo Nocino. Attualmente la fonte, ricoperta da muschi e vegetazione, versa in un totale stato di abbandono. Essa è inserita in un'area rettangolare delimitata da tre pareti murarie; l'impianto è a "C": il piccolo bacino circolare della Fontana è appoggiata ad un muretto, addossato alla parete di fondo; sul lato sinistro è posto un abbeveratoio; sul lato destro un abbeveratoio con lavatoio disposto ortogonalmente ad esso. Il basso muro che contiene la Fonte è coperto ed è provvisto di aperture rettangolari; il catino circolare in pietra, con fascia baccellata, riceve l'acqua da un rosoncino dello stesso materiale.
Informazioni:  Municipio tel. 0861-3241; Ufficio I.A.T. tel. 0861-244222