Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Siti Archeologici Provincia dell'Aquila

Ocriticum

Comune:  Cansano
Tipologia:  Sito romano, santuario, tempio
Come arrivare:  A24/A25 RM-PE uscita Pratola Peligna-Sulmona/ proseguire lungo la SS 17 direzione Sulmona/ Cansano da Napoli: A1 NA-RM uscita Caianello/ seguire indicazioni per Castel di Sangro/ Roccaraso/ Pescocostanzo/ Bosco di S.Antonio/ Cansano
Notizie:  Dominata e protetta dal centro fortificato di Colle Mitra, posta sulle alture che chiudono a meridione la Conca Peligna in località Polmare, o Pantano-Tavuto, nel territorio comunale di Cansano, un'importante area archeologica è stata recentemente indagata con campagne di scavo sistematiche. Individuato da più di un secolo e da tempo oggetto di varie segnalazioni e di scavi clandestini che ne hanno depauperato irrimediabilmente le ricchezze, il sito archeologico evidenzia la sua complessa articolazione. Abitato, necropoli e santuario ebbero il momento di maggiore frequentazione tra la fine del IV sec. a.C. e la metà del II sec. d.C., e sono posti in relazione all'asse stradale che poneva in comunicazione l'area peligna con quella sannitica. Le strutture superstiti, anche dopo la fase architettonica di maggiore espansione, continuarono ad essere frequentate, pur con un diverso utilizzo, nel sito che rimase per lungo tempo un luogo di sosta, ed incisero con la loro presenza nel paesaggio: sul pianoro di Pantano le ripartizioni agrarie, con le macere e i confini erbosi, segnano ancora l'antica fisionomia di un ambiente silenzioso, dalla memoria millenaria. All'interno di due recinti murari affiancati e posti su livelli diversi, separati da un grande muro in opera poligonale di sostruzione del terrazzo maggiore, erano stati costruiti in più fasi tre edifici sacri: sul terrazzo superiore, ad un tempio in opera quadrata di epoca italica, se ne affiancò successivamente un altro in opera cementizia, reticolata, di epoca romana. Un accesso laterale poneva in comunicazione il recinto maggiore con quello più piccolo posto sul terrazzo inferiore, ricavato sul leggero pendio occidentale del pianoro. All'interno di questo ulteriore spazio sacro, allineato con i templi maggiori, era un sacello dedicato al culto di divinità femminili. L'abbandono repentino di questo luogo di culto viene datato alla metà del II sec. d.C., contemporaneamente alla frana che seppellì il santuario di Ercole Curino a Sulmona. Un deposito votivo ha rivelato una serie di reperti in bronzo, ferro, terracotta e oro databili tra la fine del IV sec. a.C. ed il II sec. d.C. Si tratta di statuette, teste votive e raffigurazioni di buoi in terracotta, oggetti in bronzo, monete, fuseruole, parti anatomiche realizzate in argilla, pesi da telaio, balsamari. Una statuetta che rappresenta l'abbraccio tra Cerere e Proserpina, le divinità legate ai cicli stagionali nel mito del passaggio della giovane agli Inferi e al suo ritorno primaverile sulla terra, ha fornito alcuni elementi che concorrono a delineare gli aspetti religiosi di queste architetture sacre.
Informazioni:  Municipio tel. 0864-40131
Cansano, Ocriticum, veduta aerea
Cansano, Ocriticum, veduta aerea
Cansano, Ocriticum, veduta
Cansano, Ocriticum, veduta 1
Cansano, Ocriticum, veduta 2
Cansano,  Ocriticum, testa votiva

Avvisi

CortOvidio - Concorso per studenti in occasione del bimillenario della morte di Ovidio.

L'associazione culturale Sulmonacinema organizza nell'ambito del 35° Sulmona International Film Festival 2017 il Premio ...

Nuovo bando di concorso per il Sulmona International Film Festival 2017 (SIFF)

L'edizione numero 35 del Sulmona International Film Festival (SIFF) si terrà dall'8 al 12 novembre 2017 a Sulmona, pre...

Legge Regionale n. 55/2013 art.40 Anno 2014 - Scorrimento graduatoria

Si comunica che con Determinazione n. DPH003/302 del 30.12.2016 è stato approvato lo scorrimento della graduatoria dei b...

Valid CSS!

Valid XHTML 1.0!