Sommario della pagina:

Versione stampabile

stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile
Torna al sommario

Cos'Ŕ la programmazione

La Regione Abruzzo, in armonia con quanto stabilito agli artt. 8 e 9 del proprio Statuto, adotta la programmazione quale metodo della propria azione politica, improntandola al razionale utilizzo delle risorse finanziarie disponibili, ordinarie e straordinarie, regionali, nazionali e comunitarie, con gli obiettivi di favorire lo sviluppo armonico ed equilibrato del territorio regionale, favorire la crescita economica, sociale e culturale della popolazione, salvaguardare e valorizzare l'ambiente, migliorare la qualitÓ dei servizi ai cittadini, incrementare l'occupazione.
Inoltre (Art. 1 L.R. n. 85/97), la Regione concorre, come soggetto autonomo, di concerto con le altre Regioni e Province Autonome, alla elaborazione dei documenti della programmazione nazionale, attuandone gli obiettivi nell'ambito delle proprie competenze, e coordina i propri interventi con quelli delle Autonomie Locali, nel rispetto dei principi fissati dalla legge 8.6.1990, n. 142.
Alle strutture regionali della programmazione fanno capo:
  • La predisposizione dei documenti di programmazione regionale, con il concorso e a partecipazione delle Autonomie Locali e dei partners economici, sociali e culturali;
  • L'attuazione delle procedure amministrative, contabili e di verifica, di controllo e di monitoraggio dei programmi di investimento statali e regionali.
  • La definizione delle procedure per l'individuazione, la valutazione e la selezione delle istanze progettuali da inserire nei programmi di investimento a valere sulle risorse pubbliche;
  • La verifica delle iniziative ammesse ai benefici del finanziamento con risorse pubbliche, e la predisposizione dei sistemi di monitoraggio e controllo;
  • Il supporto alle fasi di pianificazione e programmazione dell'intervento pubblico nell'economia, con riguardo alla programmazione negoziata ed i relativi strumenti, quali, in particolare, l'Intesa Istituzionale di Programma e gli Accordi di Programma Quadro, e il coordinamento del monitoraggio degli Accordi stessi;
  • La consulenza, il supporto ed il coordinamento della programmazione d'area e settoriale.
Torna al sommario