Progetto “Scuole aperte ed inclusive” - PO FSE Abruzzo 2014/2020 - Approvazione graduatoria

Con Determinazione interdirigenziale n. 69/DPF013 e n. 53/DPG010 del 13.07.2017 sono state ammesse a finanziamento n. 22 proposte presentate, che vedono come soggetti attuatori ATS (Associazioni Temporanee di Scopo) aventi come riferimento per l’attuazione gli Istituti scolastici regionali.

L’Avviso “Scuole aperte ed inclusive”, finanziato dal FSE per un importo pari a € 2.000.000,00, prevede l’attivazione dei progetti riconducibili a due linee di azione individuate dal PO FSE 2016-2018:

  1. SCUOLA APERTA INCLUSIVA
  2. MENTI APERTE

La linea di azione SCUOLA APERTA INCLUSIVA, che riguarda l’Asse 2 ed è destinata agli studenti delle Istituzioni Scolastiche Autonome Statali o Paritarie del Primo e Secondo Ciclo di Istruzione della Regione Abruzzo, finanzia:

  1. L’attivazione di “Sportelli/Punti di accoglienza, presa in carico e orientamento”, per servizi one to one (sportello di ascolto), nei quali una équipe multiprofessionale (composta da insegnanti, psicologi, assistenti sociali, sociologi, ecc.), coordinata dal Responsabile di caso, identifica le aspettative, le esigenze, i desideri e i bisogni dell’utenza presa in carico per costruire e condividere un Piano/Progetto Individualizzato di Sostegno e fondato su target personalizzati.
  2. Attività formative extracurriculari, iniziative aggregative, incontri con testimoni chiave, visite di studio, laboratori con uno sviluppo temporale nelle ore pomeridiane e/o nel periodo estivo. 

La linea di azione MENTI APERTE che riguarda l’Asse 3 ed è destinata agli studenti degli Istituti di Istruzione secondaria superiore ai fini del rafforzamento delle competenze di base finalizzate all’inserimento lavorativo, prevede:

Sperimentazione, nel periodo estivo, di percorsi di formazione/perfezionamento linguistico all’estero, destinati a studenti appartenenti a famiglie con basso reddito ISEE, con risultati scolastici di eccellenza e conoscenza della lingua del Paese di destinazione, attraverso accordi di collaborazione tra gli Istituti scolastici e Centri di altri paesi dell’Unione Europea;

Attivazione di percorsi teorico/pratici, fuori orario curriculare, riconducibili a quelli previsti per l’alternanza scuola-lavoro (Legge n.107/2015);

Attuazione di percorsi formativi extracurricolari e/o di orientamento, di cui alla Linea 1, direttamente proposti dagli studenti nell’ambito delle Assemblee studentesche di ciascuna scuola o delle Consulte provinciali degli studenti.

Le attività possono essere svolte nelle strutture degli Istituti Scolastici o in quelle messe a disposizione dagli altri componenti dell’ATS o dai partners aderenti alle rete.